Intervista a Marco Gallo

 marco_gallo_visussport


Intervista a Marco Gallo prima del Mondiale di Perth in Australia, dove si sono svolti i Campionati Mondiali ISAF Classe Laser, in cui il forte atleta salernitano Testimonial Visussport entrando nella Gold Fleet ha centrato l'obiettivo della qualificazione della Classe Laser ai prossimi Giochi Olimpici di Londra.


Ciao Marco

  1. In Italia, la vela sembra sia ancora sinonimo di sport d'élite, sei d’accordo con questa definizione?

    la vela è indubbiamente uno sport con costi molto elevati, soprattutto nelle classi olimpiche dove , svolto da professionista devi far fronte a spese per l'imbarcazione , viaggi ed iscrizioni alle regate. Per la scuola di avviamento alla pratica della Vela, le attrezzature vengono messe a disposizione dai club, in base alla crescita dell' atleta e dei risultati conseguiti, vi saranno contributi da parte del club nonché dalla federazione, infine eventualmente da parte dei corpi militari sportivi

  2. Cosa può convincere un ragazzo/a a prender il mare con una barca a vela?

    E' un sport nel quale vi è un ambiente sano e oltre ad essere a contatto con la natura, ti dà la possibilità di crescere come atleta e come persona. Inizi a girare il mondo da piccolo, fai amicizie, conosci culture e stile diversi di vita,impari ad apprezzarli e conviverci . Inoltre l'idea di dover far andare il più veloce possibile un mezzo solo attraverso il tuo sapere e tramite forze della natura come il vento,il mare, le correnti, credo sia un cosa incredibile! La Vela e' uno sport con innumerevoli componenti,non si limita solo alla preparazione fisica e tecnica,ma devi necessariamente associarci studi legati a principi fisici e meteorologici. Puoi essere il più forte al mondo fisicamente,ma se vai dalla parte sbagliata e non usi il cervello fai ugualmente Ultimo! Proprio per queste variabili,la vela, è un sport nel quale non si smette mai di imparare e quindi hai sempre stimoli per migliorarti e far meglio. In ultimo posso assicurarti che quando sei in mare, ti isoli dal resto del mondo e da quelle che sono le preoccupazione e pensieri in terra!

  3. Cosa consigli a chi comincia a fare vela?

    Consiglio di munirsi di "animo e coraggio"perché oltre ad essere sempre abbronzati, fare un bagno nelle pause, bisogna far fronte anche a giornate fredde e con pioggia.

  4. La tua famiglia ti sostiene? Chi è il tuo primo tifoso?

    La mia Famiglia! Questa è stata oltre che il mio più grande sponsor per l'aspetto economico, anche una grande forza motivazionale. Insieme a loro, figura fondamentale sono gli amici. Rientrare nella propria città e sapere che ci sono persone che ti vogliono bene e ti fanno festa sia per le vittorie che per le sconfitte è una soddisfazione incredibile.

  1. Quale è il tuo più bel ricordo della carriera?

    Sicuramente un ricordo indelebile è stato la prima vittoria in ambito nazionale, un risultato tanto aspettato da bambino, anche più della vittoria del Campionato Europeo in classe byte-c11 del 2010.

  1. E quello che non riesci a mandare proprio giù?

    Un titolo Italiano che ho regalato nel 2010, " acqua passata"... :)

  1. Quali ritieni che sia il tuo pregio maggiore?

    Voglia di vincere e primeggiare in quasi tutto ciò che faccio, essere un po' testardo e determinato a ripartire dopo una delusione.

  2. Sei arrivato a questa convocazione dopo un percorso fatto anche di scelte difficili e prestazioni altalenanti.

    Sono arrivato a questa convocazione perché per questo Mondiale all'Italia sono stati assegnati due posti, forse un terzo per uno youth, ed io, per la federazione, meritavo di prenderlo.

  1. Ora ti attende il Mondiale di Perth, con che spirito affronti questo importante impegno?

    Mancano 10 giorni alla partenza del campionato... La voglia, i presupposti e le motivazioni di far bene sono tante, indubbiamente fin ora e per ora "sulla carta" nella classe LASER molte nazioni sono superiori all'Italia per via di condizioni meteo-marine che qui in Italia mancano, però poco alla volta stiamo colmando questo gap e sono sicuro che il podio Mondiale non sarà solo fantasia.

  1. Ma nei tuoi pensieri c'è un sogno….. Quello delle Olimpiadi?

    Più che sogno, credo, obiettivo per qualsiasi Atleta P.O. e' la medaglia Olimpica,ma in realtà per me c'e' uno stimolo maggiore e che forse posso chiamare anche segno, ovvero la vittoria di un Oro al Mondiale. Ti spiego il perché: da un lato sicuramente un atleta olimpionico ha una grande visibilità in tutta la nazione rispetto ad una medaglia mondiale. La cosa non mi dispiacerebbe, anzi. Nella vela, l Olimpiade è anche uno strumento di pubblicità, ci sono solo 40 atleti ognuno di nazioni diverse, ad un Mondiale si selezionano i migliori 150 equipaggi. Basta sapere che all’ultimo mondiale disputato, nei primi dodici c'erano 5 equipaggi Neozelandesi. L' ultimo di questi e' superiore al primo atleta Italiano (e di molte altre Nazioni) che rappresenterà la Nazione ai Giochi Olimpici mentre il povero Neozelandese rimane a casa. Questo per dire che il livello tecnico ad un Mondiale e' notevolmente superiore a quello dell' Olimpiade. Da un punto di vista personale il titolo mondiale sarebbe il massimo obbiettivo da raggiungere, indubbiamente per uno sportivo un Olimpiade e' il top anche per altre serie di motivi.

  1. Nei recenti test hai lavorare tantissimo sotto il lato fisico, molti pensano che la vela sia uno sport in cui il fisico non è sollecitato ma vedendo i tuoi allenamenti ci sembra proprio il contrario...

    La preparazione fisica è strumento fondamentale in tutti gli sport e non vedo perché non dovrebbe esserlo nella vela. In moltissimi lo pensano e non posso dargli torto dato che purtroppo è uno dei mille sport stupendi appannato dal solito calcio. Sicuramente è uno sport che può risultare complicato da comprendere se non si ha qualche conoscenza velica. Ciò che ora molti conoscono è la Coppa America che è un  altro tipo di competizione rispetto alla nostra. Si regata solo con due barche, la preparazione fisica dell’equipaggio non e' di primaria importanza e soprattutto,spesso, la barca vincente non da tanto il merito alle qualità dell’equipaggio,quanto alle qualità dell' imbarcazione e delle sue tecnologie. Per rendere l'idea, noi la chiamiamo " formula uno della vela" . Il mezzo fa la differenza ed un buon pilota il resto. Ad un campione come Valentino Rossi se gli dai una moto che " non va" difficilmente può vincere nonostante sia un talento. Nella Coppa America è uguale! Nelle categorie Olimpiche il mezzo è identico per tutti.

  1. Come hai conosciuto Visussport?

    I prodotti Visussport li ho conosciuti tramite Roberto Mazzeo ed Antonio Guerra.

  1. Cosa pensi di questo Olio per Massaggi Visussport e Quali benefici stai avendo dall'uso di questo prodotto?

    E' un ottimo prodotto, lo utilizzo spesso in regata soprattutto come "recovery" dopo la competizione. Trovo dei benefici nel recupero muscolare ed inoltre spesso lo utilizzo per massaggi rilassanti.

  1. Ritieni giusto che uno sportivo venga supportato da un prodotto totalmente naturale?

    Non esiste niente di meglio di un prodotto naturale senza controindicazioni e che dia solamente benefici.

  2. Per lavoro tu passi molto tempo girando per il mondo ma sappiamo che sei molto attaccato alla tua città dove hai molti estimatori. Vuoi approfittare ora per dire qualcosa su Salerno?

    Salerno e' la città in cui sono nato e soprattutto che amo per come è e ciò che offre. Ho girato tutta l 'Italia e per quanto mi riguarda non abbiamo niente da invidiare a nessun’altra città, abbiamo il sole, il mare e le montagne. E' una città movimentata, viva! E' una città che cresce anno dopo anno e soprattutto la iniziano a conoscere tutti in Italia e molti all'estero. Ne ho le prove! :) Grande Salerno!

  1. Ti senti di ringraziare qualcuno in particolare per essere entrato in questo mondo affascinante che è la vela?

    La mia famiglia in primis, i preparatori atletici quali il Prof. Giovanni De Martino, Alfredo Bellotti ed il Circolo Canottieri Irno.

  1. Dì la verità, ogni tanto, lo fai un pensierino per un futuro nella classe Coppa America?

    Le classi Olimpiche sono le più formative e seguite nel mondo della vela. E' un percorso fondamentale da seguire per crescere come velista e divertirsi, per poi passare su imbarcazioni più grandi ad equipaggio. Nella pratica, qui fai esperienza, crei il curriculum e l'immagine, poi eventualmente puoi decidere di passare sul altro tipo di imbarcazioni come anche quelle di Coppa America.

  1. Marco, siamo alla fine dell'intervista. Sei libero di concluderla come vuoi.....

    Ringrazio Roberto Mazzeo per il supporto con i prodotti della VISUSSPORT. Voglio fare un ringraziamento speciale al mio storico preparatore fisico che mi segue da circa 12 anni. E' per me oltre che un grande amico, un secondo padre, il prof. Giovanni De Martino,ora affiancato da un' altro preparatore atletico giovanissimo e di grande talento dott. Alfredo Bellotti.

  2. OK, grazie Marco per il tempo che ci hai gentilmente dedicato e... in bocca al lupo per questa tappa importante della tua brillante carriera che seguiremo aggiornando il sito www.visussport.com nella sezione news.

    Ciaooo a tutti, ci vediamo presto!







  

Login negozio






Password dimenticata?
Nome utente dimenticato?
Non ancora registrato? Registrati

Atleti e Visussport